TRASMETTITORE SSB ANALOGICO HF 1-30 Mhz A SINGOLA CONVERSIONE

Progettato e costruito due anni fa con componenti che già avevo  , pensato come trasmettitore singolo da abbinare ad un ricevitore esterno facendo isoonda.

Generatore ssb e stadio mixer
Regolazione della potenza e filtri
Amplificatore finale
Amplificatore finale
Filtri passa basso

L’oscillatore finale è un DDS gemello di quello descritto in ” Strumenti usati per le autocostruzioni” , fa uso di un chip AD9951 pilotato da un PIC16F877 che ho programmato in assemble .

Il PIC pilota anche l’LCD, encoder ed i relè sia dei filtri passa basso , che dei filtri di banda che seguono il mixer.

Amplificatore lineare HF 1,8-30 Mhz con valvola 813 potenza 300 watts

L’idea di costruire questo amplificatore mi è venuta circa due anni fa leggendo un articolo in internet che parlava di  un amplificatore lineare con valvola 813  apparso su una rivista americana(QST anno 1958) . Da giovane negli anni 70-80 ero CB , avevo già sentito parlare di questa valvola  e dei fantastici collegamenti che permetteva di eseguire in gamma 11 metri.

Dopo una ricerca in internet ho trovato lo schema di W4SUD a cui ho apportato diverse modifiche anche per adattare i componenti che possedevo al progetto originale.

Ho trovato in cantina diversi componenti  che potevano servire per questa realizzazione acquistati alle fiere di elettronica , altri componenti difficili da trovare li ho acquistati direttamente su Ebay . Qualcuno afferma che oggi è molto più facile autocostruire rispetto a qualche decennio fa, questo grazie ad Internet , io concordo pienamente con questa affermazione.

Lo schema dell’alimentatore è anch’esso frutto della ricerca in Internet.

Attualmente uso questo amplificatore con soddisfazione su tutte le gamme HF con ottimi risultati riguardo all’emissione di spurie e qualità della modulazione. Altra nota positiva è che la valvola 813 è estremamente resistente , personalmente ho portato a termine QSO con presenza di onde stazionarie elevate senza apprezzabili conseguenze per la vita della valvola. Questo sarebbe stato impossibile con i moderni amplificatori a mosfet che sono molto suscettibili alle onde stazionarie.

Note negative di questo tipo di amplificatore lineare , come tutti gli amplificatori valvolari, sono la necessità di eseguire l’accordo di griglia e placca ad ogni cambio di frequenza e l’ingombro ed il peso notevole dell’amplificatore stesso .

Questo è il progetto originale a cui mi sono ispirato

Questo è lo schema che ho seguito

Schema dell’alimentatore HT , G2 ,G1

Modifiche da me apportate:

Circuito di ingresso su toroide T68-2 per le bande basse ( 160 e 80 metri ) e T68-6 per le bande più alte.

Valvole stabilizzatrici a gas sostituite con zener di potenza.

Il numero delle spire del circuito pi-greco in uscita è stato trovato sperimentalmente come anche sperimentalmente è stato trovato il numero delle spire per i toroidi di ingresso ( iniettando il segnale con un generatore e visualizzando l’accordo con una sonda a diodo).

CARICO ALCUNE FOTO DEL CIRCUITO DI INGRESSO

COMMUTATORE E TOROIDI ACCORDO DI INGRESSO
CONDENSATORE VARIABILE ACCORDO DI INGRESSO CON UN SOLO TOROIDE IN FASE DI PROVA

CARICO ALCUNE FOTO DELL’INTERNO DELL’AMPLIFICATORE IN FASE DI COSTRUZIONE

CARICO ALCUNE FOTO DELL’INTERNO DELL’AMPLIFICATORE TERMINATO

PARTICOLARE DEL COMMUTATORE PI-GRECO DI USCITA